Assicurazione auto scaduta: che fare per evitare le sanzioni

Continua a crescere in Italia il numero delle auto che circolano prive di assicurazione.

Le stime più recenti parlano di oltre 4 milioni di veicoli presenti sulle strade italiane che si spostano senza avere alcuna copertura assicurativa.

Quella di circolare con assicurazione scaduta può essere una libera scelta, in barba alla legge, oppure una dimenticanza. In entrambi i casi, se fermati per un controllo, scattano le sanzioni.

L’evasione, tra l’altro, crea danno anche a chi l’assicurazione la rinnova con regolarità perchè le Compagnie assicurative a fronte dei tanti inadempienti caricano i costi su chi l’assicurazione la paga da sempre.

Data la complessità del fenomeno ci siamo fatti aiutare dagli esperti di MIOAssicuratore. Chi circola senza aver rinnovato l’assicurazione sull’auto commette un’infrazione al codice della strada, da punirsi con sanzione amministrativa e sequestro del veicolo, ma non solo.

Risultano infatti ancora più elevate le conseguenze nel caso in cui l’auto priva di copertura Rc provochi un incidente coinvolgendo persone e cose.

Polizza Rc auto valida nei 15 giorni successivi alla data di scadenza

Per le polizze auto, soprattutto nel caso di durata annuale, spiega il Broker MioAssicuratore, vale la regola della copertura extra per i 15 giorni successivi alla data di scadenza.

In pratica una polizza Rc auto risulta ancora valida ed efficace in questo lasso di tempo, scaduto il quale si è fuori da ogni tipo di copertura.

Gli assicurati più distratti non hanno tratto giovamento dall’abolizione del tacito rinnovo, quindi non ricevendo più dall’assicurazione la notifica della polizza in scadenza rischiano di dimenticare il rinnovo.

Sanzioni

Ma che cosa comporta precisamente circolare senza copertura assicurativa?

Trascorsi i 15 giorni di tolleranza, nel caso un conducente venga fermato e risulti privo di assicurazione, scatta la sanzione pecuniaria che va da 849 a 3.396 euro.

Il veicolo inoltre viene sottoposto a sequestro amministrativo e trasferito in aree apposite individuate dalla polizia stradale perchè prive di pubblico passaggio.

Il pagamento dell’assicurazione Rc auto considera tutte le vetture circolanti e quindi sia quelle che si  spostano materialmente ma anche quelle semplicemente parcheggiate in strada, laddove si svolge circolazione pubblica.

Ridurre la multa? Possibile in taluni casi

Se un’auto risulta priva di assicurazione, e viene multata, la legge consente una riduzione della sanzione pari al 75% in due casi specifici:

  • il primo considera la buona volontà del proprietario che procede con l’attivazione dell’assicurazione entro i 15 giorni successivi alla proroga quindicinale concessa dalla legge, quindi in pratica entro i 30 giorni successivi alla data naturale di scadenza dell’assicurazione
  • il secondo caso considera invece la scelta del proprietario della vettura di procedere con la demolizione e la radiazione dell’auto entro 30 giorni dalla data di contestazione della violazione.

Nei due casi specifici la multa può essere soggetta a riduzione e nel caso la sanzione prevedesse un esborso di 849 euro l’ammontare della multa passerebbe a  212,25 euro.

La legge prevede un ulteriore sconto del 30% nel caso in cui l’assicurato provveda a pagare la sanzione entro i 5 giorni successivi alla notifica della contestazione. In questo caso da 849 euro si potrebbero pagare soli 148,58 euro.

Che cosa fare per tornare a circolare con la propria vettura

Per riprendere possesso della vettura e tornare a circolare liberamente dopo la sanzione pecuniaria l’automobilista deve mettere a frutto due passaggi specifici:

  • primo pagare la multa entro 60 giorni
  • secondo passaggio attivare nuovamente l’assicurazione almeno per 6 mesi.

Se il proprietario opta per questi due passaggi può evitare l’esborso relativo alla sanzione amministrativa, conseguenza della confisca della vettura, ma deve soltanto provvedere alle spese di

prelievo della vettura, di trasporto e relativa custodia del mezzo presso il deposito dove è stato collocato temporaneamente.

Per non farsi trovare impreparati

In prossimità della scadenza dell’assicurazione sull’auto è importante mettere in agenda il pagamento e soprattutto non attendere l’ultimo giorno utile per il rinnovo o per il cambio di compagnia, nel caso non si fosse soddisfatti delle condizioni della Rc auto sottoscritta in precedenza.

Completare le operazioni con qualche giorno di anticipo mette al sicuro l’assicurato da dimenticanze o problemi dell’ultima ora.

Nel caso in cui ci si accorgesse che l’assicurazione è scaduta è bene evitare di circolare o lasciare l’auto parcheggiata in una strada di pubblico passaggio, e procedere speditamente al rinnovo magari optando per una soluzione di acquisto veloce e conveniente come quella consentita dai comparatori on line.

 

Fonte : https://www.veb.it/assicurazione-auto-scaduta-che-fare-per-evitare-le-sanzioni-55944

Condividi i tuoi interessi ... Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someoneShare on VKShare on TumblrPrint this page

Be the first to comment on "Assicurazione auto scaduta: che fare per evitare le sanzioni"

Leave a comment

Your email address will not be published.